Politiche, petizione popolare per ripristinare le preferenze

Una petizione popolare per restituire ai cittadini il diritto di esprimere la loro preferenza in occasione delle Politiche. È l’iniziativa lanciata dal consigliere comunale di Campania Libera Arturo Iannelli che sta già iniziando la distribuzione dei moduli, a livello provinciale e regionale. «Inizia una petizione popolare, come previsto dall'articolo 50 della Costituzione per chiedere al Parlamento, al Senato di dare ai cittadini la possibilità di scrivere la preferenza – ha spiegato il consigliere Iannelli - È un'esigenza che mi viene dal basso perché parlando con i cittadini molti hanno evidenziato questa cosa e quindi di conseguenza mi sono sentito in dovere di rispondere».
Iannelli ricorda che alle elezioni il problema maggiore è l’astensionismo, «cittadini che non partecipano più alla politica e quindi questa petizione popolare ha un doppio scopo: attraverso la firma, cioè il cittadino che viene e che firma una petizione ad una sua richiesta oltretutto, quindi si riavvicina la politica e l'altro obiettivo - credo che sia ancora più importante - è quello di riavvicinare i politici alla gente: c’è l’idea che oggi il politico di livello nazionale non incontra, come invece dovrebbe essere, i cittadini anche nelle piccole necessità ed è una cosa sbagliata che allontana la gente». Ripristinare in toto la democrazia, dunque, e riportare la politica nei quartieri in un periodo storico particolarmente complesso.
«La politica spesso si dimentica del sud, in una finanziaria la parola sud compare due volta. Questa è un'iniziativa di carattere Popolare che deve riavvicinare le persone alla politica e soprattutto deve riavvicinare i politici alle persone». Già ieri mattina, al terzo piano di Palazzo di Città le prime due firme da parte dei cittadini ma questa possibilità continuerà ad esserci: inizialmente, infatti, sarà possibile recarsi a Palazzo Guerra per la firma il lunedì e il mercoledì presso la stanza del gruppo consiliare Campania Libera. Nel frattempo però anche privati e attività commerciali si stanno organizzando per dare la disponibilità ad averei fogli nelle proprie attività per far firmare le persone. «L’obiettivo, in termini di firme, è raccogliere diverse migliaia di firme perché non si firmerà sulla Salerno ma anche in altri posti della provincia di Salerno e probabilmente anche in Campania, - ha spiegato ancora Iannelli - Le persone non si rendono conto di quanto sia importante andare a votare ma la politica, quella locale così come quella regionale e nazionale decide la nostra vita». Intanto, proprio questa mattina si terrà un’iniziativa parallela lanciata dall’associazione culturale Vincenzo Scarlato, presieduta dall’avvocato Guglielmo Scarlato. «Sono contento ci sia un’altra iniziativa, è un’iniziativa particolarmente sentita», ha detto ancora il consigliere Iannelli chiarendo che la sua è un’iniziativa personale, condivisa con il deputato del Pd Piero De Luca, il segretario provinciale dem Enzo Luciano.